Articoli
UAAR VE: FA CALDO! MA CI ASPETTA UN NUOVO FRESCO PROGRAMMA Stampa E-mail

nel pieno della calura estiva abbiamo imbastito un nuovo fresco PROGRAMMA per l’autunno che prevede degli incontri in presenza, sperando che il signor Covid 19 e i suoi cugini non ci facciano troppa ostilità reclamando i nostri spazi di animali umani.


Già, perché dopo mesi di incontri virtuali via zoom, in giugno con l’arrivo dell’estate, abbiamo iniziato timidamente a relazionarci con i nostri sorrisi dal vero, inaugurando per le sedi di Venezia e Mestre un nuovo modo di confrontarci con il Tinello spensierateo. In pratica si chiacchiera liberamente fra di noi su un tema proposto da una/o socia/o, che magari introduce la questione, con aperitivo e cicchetti. E fin qui, con gli esperimenti, è andata molto bene sia per i cicchetti e le bibite, sia per gli argomenti affrontati.


Oltre a queste utili chiacchierate, alle quali non solo ti chiediamo di unirti ma anche di incoraggiare con un tuo argomento, nei mesi scorsi siamo stati particolarmente attivi con la nostra adesione alla campagna nazionale Uaar in difesa della pillola per l’aborto farmacologico RU486 affiggendo 150 strisce di propaganda su vaporetti motonavi e bus e con la successiva campagna di raccolta firme “Libere di abortire”. Poi, abbiamo portato all’attenzione dei cittadini l’Eutanasia Legale e una proposta di legge che giace in Parlamento da troppo, e cioè da otto anni. A questo proposito ti informiamo che l’Associazione Luca Coscioni, con altri, sta raccogliendo firme per un referendum che modifica l'art. 579 del codice penale depenalizzando il reato di omicidio per chi aiuta le persone, maggiorenni e capaci di intendere e di volere, a ricorrere all’eutanasia. E’ importante, perché di fatto rende possibile l’eutanasia a chi non può praticarsela da sé. Si può firmare nei tavoli informativi (le date non sono ancora definite) e negli uffici anagrafe del proprio comune di residenza fino a tutto settembre (bisogna raccogliere 500.000 firme!).


Per il nostro programma non entriamo nei dettagli soprattutto a causa delle sorprese che potrebbe riservarci la pandemia. Ci sono comunque dei riferimenti per noi tradizionali come il Premio Brian in settembre per la Mostra del Cinema di Venezia con il riconoscimento al film che risponde maggiormente alle nostre tematiche e riflessioni, il XX Settembre per la festa della breccia di Porta Pia, poi lo Sbattezzo in ottobre, e un appuntamento il 25 novembre per la giornata contro la violenza alle donne. Il tutto sarà costellato di chiacchierate atee con il tinello con aperitivo nelle nostre sedi di Venezia e Mestre. Trovi tutte le date e argomenti in questo link al PROGRAMMA. Appuntamenti che vanno verificati in questo sito sempre aggiornato www.uaarvenezia.it e per chi non ha internet venendo al circolo o chiamando il 331.1331225.

Ti aspettiamo.
Un caro ateo e agnostico saluto dal Circolo UAAR di Venezia

 
PROPOSTE DI LETTURA AGOSTO 2021 Stampa E-mail

PROPOSTE DI LETTURA AGOSTO 2021

a cura di Gianni G.

GIANLUIGI NUZZI- Il libro nero del Vaticano

GUIDO TONELLI -Genesi

SILVIA BRE - Questa parola fidata - Emily Dickinson

 
PROPOSTE DI LETTURA LUGLIO 2021 Stampa E-mail

PROPOSTE DI LETTURA LUGLIO 2021

a cura di Gianni G.

CORRADO AUGIAS - Breviario per un confuso presente

EDOARDO LOMBARDI VALLAURI - ANCORA BIGOTTI Gli italiani e la morale sessuale

GIANFRANCO PASQUINO - Libertà inutile

 
SABATO 19 A MESTRE IN PIAZZA FERRETTO, TUTTI LIBERI DI ABORTIRE Stampa E-mail

nel titolo non c'è un errore, il tavolo informativo, che terremo sabato a Mestre per la campagna "Libera di abortire", interessa non solo le donne fertili, ma anche le più anziane, e anche gli uomini e i gay di varie sfumature. Perché un diritto individuale, che non obbliga ad essere esercitato se non lo si vuole, è una libertà che allarga gli orizzonti di tutta la società. Dunque tutti liberi di abortire!

SABATO 19 GIUGNO, A MESTRE IN PIAZZA FERRETTO, ORE 16-19

TAVOLO INFORMATIVO SULLA CAMPAGNA "LIBERA DI ABORTIRE", e si può firmare l'appello "in diretta"!

La campagna invita a firmare on line sul sito LIBERA DI ABORTIRE un appello al Governo e al Ministro Speranza per attivare con urgenza le seguenti iniziative senza le quali la legge 194,  a 43 anni dalla sua promulgazione,  risulta attualmente svilita dei suoi contenuti di libertà. I dati sono allarmanti: troppi medici obiettori, Regioni reticenti, difficoltà di informazione e tanto altro, tutte situazioni che devono essere superate per garantire che la legge 194 venga applicata senza che le donne vengano danneggiate fisicamente e psicologicamente. L'appello chiede con forza anche i progetti di educazione sessuale e affettività nelle scuole.

Al nostro tavolo informativo porteremo anche un computer che, fino a che la batteria terrà, permetterà di firmare l'appello "in diretta", o comunque firmando un foglio si potranno dare gli estremi per l'adesione a posteriori (con batteria carica). Sarà anche a disposizione il VADEMECUM informativo sull'iter da svolgere per accedere all'interruzione volontaria di gravidanza. Ti aspettiamo per la tua adesione e per un aiuto al tavolo.

L'appello chiede che:

Vengano date disposizioni alle Regioni per assumere medici non obiettori, ad oggi in numero insufficiente per garantire pienamente il diritto delle persone ad abortire.

Sia inserito un indicatore specifico che valuti la presenza/assenza, tempi e modalità di erogazione dei servizi per l’interruzione volontaria di gravidanza, e siano previste, per le Regioni che non garantiscono tale prestazioni, penalizzazioni nei finanziamenti.

Venga favorita la telemedicina per il colloquio con il medico e il rilascio del certificato necessario per l’interruzione volontaria di gravidanza.

Vengano fornite tutte le informazioni fondamentali sull’aborto sul sito del Ministero della Salute, incluse una mappa delle strutture ospedaliere dove è possibile accedervi e un vademecum esplicativo dei diritti delle persone che vogliono accedere al servizio.

Siano svolte indagini conoscitive e aggiornate sull’aborto clandestino in Italia, le cui stime in tutti gli ultimi rapporti e secondo analisti, specialisti, prefetture e Ministero della Giustizia continuano ad essere poco attendibili.

Vengano resi obbligatori percorsi di preparazione, aggiornamento e informazione del personale sanitario coinvolto nelle pratiche di IVG oltre che garantita adeguata formazione nelle scuole di specializzazione di ginecologia ed ostetricia.

Vengano finanziati e incentivati progetti continuativi di informazione sessuale e affettiva nelle scuole, così da garantire la piena conoscenza dei diritti riproduttivi delle persone.

L'UAAR sostiene l’iniziativa con banchetti informativi per tutto il mese di giugno e nello specifico nel fine settimana del 19/20 giugno a La Spezia, Perugia, Bologna, Palermo, Catania, Venezia, Milano, Padova e altri Circoli che si aggiungeranno.

L’iniziativa è promossa da Radicali italiani, IVG ho abortito e sto benissimo, Non è un veleno, i Giovani Democratici Abruzzo e Milano, Si Può Fare, TAKE… ACTION e naturalmente dall’UAAR.

Sempre liberi di non credere e di abortire

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 6 di 71