UAAR VE: I DIRITTI ASSENTI, IN GRECIA NEI CAMPI PROFUGHI UNA BABELE DI RELIGIONI. A MESTRE IL 30 GEN Stampa

GIOVEDI' 30 GENNAIO  ore 17,30
SEDE UAAR MESTRE Via Napoli 49/A

LE PORTE D’EUROPA: 
I DIRITTI ASSENTI
a cura di Otto Neidhart

Otto è un giovane volontario della ONG Samos volunteers e ha tanta voglia di divulgare quello che ha provato e visto nel campo profughi dell’isola di Samos in Grecia, dove per migliaia di persone, solo per il motivo di essere migranti, i diritti risultano come "sospesi", anzi negati. La Grecia, è da sempre definita la culla della civiltà e della democrazia occidentale, ed è un paese appartenente da molti anni all'Unione Europea, eppure per la vita quotidiana dei migranti  il campo di Samos è una “istituzione” totale e violenta, per uomini, donne e bambini.  A Samos sono negati i più elementari diritti civili, in barba al diritto internazionale e alla solidarietà che si dovrebbe provare almeno tra essere umani, in una sorta di babele che non accomuna ma stordisce la dignità di ciascuno anche in tema di non credenza o di credenza alla religione. E purtroppo non esiste solo il campo greco.  Il tema è quello della non discriminazione e della necessaria libertà individuale come mezzo di affrancamento e di crescita, anche critica, nei confronti dell'asservimento e del potere, un tema sicuramente Uaar. La relazione sarà supportata da reportage e video.

Non mancare, l'ingresso è libero.