Articoli
CONTRO IL CONCORDATO E PER IL CAMBIAMENTO A VENEZIA IL 17 FEBBRAIO Stampa E-mail

LUNEDI' 17 FEBBRAIO A VENEZIA, presso il Circolo Campo Margherita VE Dorsoduro 3686

DOPPIO APPUNTAMENTO ALL'INSEGNA DEL CAMBIAMENTO,

il primo, contro il Concordato, da attuare con urgenza per un Paese libero dall'ingerenza religiosa,

il secondo, inteso come cambiamento climatico, un allarme oramai urgente

 

DALLE 16.00 ALLE 17.30 SETTIMANA ANTICONCORDATARIA -SAC-

11 febbraio (1929 Concordato Mussolini) - 18 febbraio (1984 Concordato Craxi): presidio e distribuzione volantini contro il Concordato e le altre numerose prebende alla “religione di stato”.

ALLE 17.30 : -DARWIN DAY 2020- PER UNA GIUSTIZIA CLIMATICA, ECOLOGICA E SOCIALE

LA STRATEGIA DI EXTINCTION REBELLION

a cura di Stefano Polizzi

Ci troviamo tutti in un'emergenza climatica, in gran parte prodotta dall'uomo, che sta già producendo i suoi effetti di estinzione di massa di vegetali, animali e anche di esseri umani. Per Extinction Rebellion, a questo punto, non si può fare altrimenti ed è necessaria la disobbedienza civile nonviolenta, affinché l’allarme lanciato dalla comunità scientifica possa essere ascoltato. Extinction Rebellion è un’associazione di persone consapevoli che non si danno per vinte, che prendendo a modello Mahatma Gandhi e Martin Luther King, manifestano e scendono in strada con azioni non violente per informare tutti del dramma già consumato e del pericolo oramai incombente e per indurre chi ha il potere a cominciare a fare qualcosa.

Vale la pena di esserci, l'ingesso è libero.

17 febbraio 2020

 
UAAR VE - 7 FEB 2020 UN GRANDE DARWIN DAY Stampa E-mail

Grande UAAR Venezia. Davvero, è stato un grande e importante Darwin Day.


Oltre 300 ragazzi delle superiori assiepavano due sale dell’Ateneo Veneto per una mattinata di vera divulgazione scientifica, di pensiero razionalista che spero abbia aperto gli occhi a molti sulla più grave crisi che i Sapiens si sono mai trovati ad affrontare: il riscaldamento globale antropico unito alla Sesta estinzione di massa in corso.
Grazie di cuore quindi a Franco Ferrari, motore di questi 12 anni di Darwin Day in proficua collaborazione con il prestigioso Ateneo Veneto; grazie a Piero Benedetti per la collaborazione con l’Università di Padova; grazie a Stefano Polizzi per la collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia; grazie ai tanti che hanno dato una mano; e grazie soprattutto ai relatori, che hanno saputo incantare e stimolare il pubblico: l’oceanografo Andrea Bergamasco con cui abbiamo viaggiato dalla nostra Laguna fino ai lontani ghiacci dell’Antartico; il biologo climatico Daniele Pernigotti, che gira l’Europa in bici cercando di portare un messaggio di consapevolezza sui cambiamenti climatici in atto; l’agroecologo  Marco Bertaglia che dopo aver riassunto in maniera chiara la terribile verità su ciò che ci sta già accadendo, ci ha portato il messaggio di Extintion Rebellion, un’associazione di persone consapevoli che non si danno per vinte, che prendendo a modello Mahatma Gandhi e Martin Luther King, con azioni non violente cerca di indurre chi ha il potere a cominciare a fare qualcosa.
Di queste problematiche riparleremo lunedì 17 febbraio nella sede di Campo Margherita con lo stesso Stefano Polizzi. Varrà la pena esserci!
Dario DT

 
UAAR VE: VENERDI' 7 FEBBRAIO DARWIN DAY ALL'ATENEO VENETO Stampa E-mail

anche quest'anno Febbraio per noi significa soprattutto Darwin Day!

Certo, nel corso del mese ci saranno altri interessanti appuntamenti, come quello dedicato alla settimana anticoncordataria, ma Charles ha un posto particolare perché la sua teoria sull'evoluzione della specie ha riportato, nella comprensione del mondo,  una rotta razionale e per di più casuale a discapito di un disegno intelligente trascendentale basato sulla credenza e la fede.

E allora, cominciamo con un Darwin Day ormai storico, siamo alla dodicesima edizione per il nostro circolo, quello all'Ateneo Veneto che coinvolge ben 5 licei veneziani con oltre 200 studenti dell'ultimo anno e i loro insegnanti. Un Darwin Day all'insegna della non credulità e del pensiero scientifico con il tema del DNA, anzi della sua bellezza, ma anche con risvolti attuali riferiti all'emergenza climatica che questa bellezza potrebbe estinguere in breve tempo. Attenzione, l'ingresso è libero per tutti, ma vista l'alta affluenza di studenti,  si suggerisce la puntualità per trovare posti a sedere.

VENERDI' 7 FEBBRAIO,  ORE 10,00-13,00 Ateneo Veneto Campo San Fantin Venezia (vicino al Teatro La Fenice)

DARWIN DAY 2020 - XII edizione – ARTE, VIAGGI E SCIENZA

a cura del Circolo UAAR di Venezia e Ateneo Veneto (Franco Ferrari),

in collaborazione con l’Università di Padova (Piero Benedetti) e di Venezia (Stefano Polizzi).

 

RELAZIONI:

Piero Benedetti (UNIPD, Distaccato presso l'Accademia dei Lincei - Roma):

La bellezza del DNA.

Andrea Bergamasco (già Ricercatore CNR, ISP, Associato ISMAR):

Da Venezia al Polo Sud - Appunti di un oceanografo sul clima terrestre.

Marco Bertaglia (Agroecologo, Ricercatore CCR (UE), Extinction Rebellion):

Emergenza climatica - che fare?

Daniele Pernigotti (Biologo, Esperto di Cambiamenti Climatici, Ispettore Accredia):

In bici per il clima.

L'ingresso è libero fino ad esaurimento posti.

 
PROPOSTE DI LETTURA FEBBRAIO 2020 Stampa E-mail

PROPOSTE DI LETTURA FEBBRAIO 2020

a cura di Gianni G.

 

GERDA STEVENSON - Se questo fosse vero

GUIDO SILVESTRI - Il virus buono

PATRIZIA VALDUGA - Per sguardi e per parole

 

 
UAAR VE: I DIRITTI ASSENTI, IN GRECIA NEI CAMPI PROFUGHI UNA BABELE DI RELIGIONI. A MESTRE IL 30 GEN Stampa E-mail

GIOVEDI' 30 GENNAIO  ore 17,30
SEDE UAAR MESTRE Via Napoli 49/A

LE PORTE D’EUROPA: 
I DIRITTI ASSENTI
a cura di Otto Neidhart

Otto è un giovane volontario della ONG Samos volunteers e ha tanta voglia di divulgare quello che ha provato e visto nel campo profughi dell’isola di Samos in Grecia, dove per migliaia di persone, solo per il motivo di essere migranti, i diritti risultano come "sospesi", anzi negati. La Grecia, è da sempre definita la culla della civiltà e della democrazia occidentale, ed è un paese appartenente da molti anni all'Unione Europea, eppure per la vita quotidiana dei migranti  il campo di Samos è una “istituzione” totale e violenta, per uomini, donne e bambini.  A Samos sono negati i più elementari diritti civili, in barba al diritto internazionale e alla solidarietà che si dovrebbe provare almeno tra essere umani, in una sorta di babele che non accomuna ma stordisce la dignità di ciascuno anche in tema di non credenza o di credenza alla religione. E purtroppo non esiste solo il campo greco.  Il tema è quello della non discriminazione e della necessaria libertà individuale come mezzo di affrancamento e di crescita, anche critica, nei confronti dell'asservimento e del potere, un tema sicuramente Uaar. La relazione sarà supportata da reportage e video.

Non mancare, l'ingresso è libero.

 

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 3 di 63