Articoli
UN BUON NUOVO PROGRAMMA, BUON SOLSTIZIO E BUONE VACANZE A TUTTI Stampa E-mail

Dopo la chiusura forzata causa Covid-19, finalmente ci prepariamo alle vacanze vere all’aria aperta di una nuova Estate tutta ancora da scoprire. La sede del Circolo è stata chiusa per un po’ ma il lavoro non si è mai interrotto e così, in occasione degli auguri per il solstizio, ti proponiamo il nuovo e fresco programma – da settembre a dicembre – che trovi comodamente in questo link:
http://www.uaarvenezia.it/images/programma.pdf

Un modo per riavviarci nel futuro recuperando anche alcuni appuntamenti che erano stati sospesi con la pandemia, ma aggiungendo puri stimoli nuovi e abbondando, per quanto la stagione lo permetterà, con gli eventi all’aperto.

Ci troveremo sempre, e da settembre capiremo come organizzarci con “le distanze”, nella storica sede veneziana di Campo Margherita, e in quella di Mestre in via Napoli 49/a, luminosa e comoda (anche per i veneziani), ma anche nella capiente sala dell’Officina del Gusto di Mestre, e naturalmente ai nostri tavoli informativi nelle piazze che non hanno limiti di partecipazione. Per lo spazio del Gruppo di Via Piave auguriamo ai nostri amici che ci hanno sempre ospitato di trovare presto una bella e capiente sala per i loro -e i nostri- incontri.

Ecco un accenno gli eventi principali, lasciando spazio, per i particolari, alla tua curiosità.

A SETTEMBRE (come sempre) si inizia a Venezia con il Premio Brian assegnato dall’UAAR alla miglior pellicola della Mostra del Cinema di Venezia: sentiremo dai nostri giurati le novità sulla mostra e le motivazioni della designazione della pellicola scelta per il premio. Daremo poi risalto alla festa dimenticata del XX Settembre (Breccia di Porta Pia 1870), della quale quest’anno ricorre il 150° anniversario; infine, a Mestre, abbiamo organizzato un incontro con personale addetto alla sanità, e in particolare con un anestesista rianimatore, per ascoltare cosa è successo in prima linea durante la pandemia.

A OTTOBRE, a Venezia, parleremo dell’intrigante trama del film “Gola profonda”, e a Mestre di sano anti-antropocentrismo sull’Homo poco sapiens, “Ritratto impietoso di una specie vincente”, con un incontro tenuto dal grande appassionato naturalista divulgatore Michele Zanetti; infine concluderemo il mese in piazza all’aperto con il tavolo dedicato dello sbattezzo.

A NOVEMBRE, nel mese dedicato contro la violenza di genere, gazebo informativo a Venezia e proiezione del film “Dio è donna e si chiama Petrunya”; a Mestre denunceremo le “mani” sulle donne con una conferenza a cura di Nana Kadiatou operatrice sociale, contro l’infibulazione, una tragedia che coinvolge ancora migliaia di bambine e di donne anche in Italia.

A DICEMBRE ci avvieremo verso le feste a Mestre con un viaggio attraverso i luoghi e la pittura di Frida Kahlo; a Venezia invece faremo un incontro-dibattito sul rinnovamento della rivista dell’UAAR, dall’Ateo a Nessun Dogma, e la serata si concluderà con la cena di fine anno.

Non sapendo ancora come evolverà la nostra libertà di riunione nel tempo, verifica date e orari degli incontri venendo al circolo o chiamando il 331.1331225.

E allora ti aspettiamo in Settembre sempre liberi di non credere mascherati o no.

Un caro ateo o agnostico saluto e buona Estate dal Circolo UAAR di Venezia

 

ATTENZIONE: a luglio e agosto siamo in ferie ma la sede di Mestre potrebbe essere aperta i giovedì, a intermittenza... in base alla vostra nostra voglia di simpatica compagnia.

[La simpaticissima vignetta è di Maria Turchetto]

 
PROPOSTE DI LETTURA GIUGNO 2020 Stampa E-mail

PROPOSTE DI LETTURA GIUGNO 2020

a cura di Gianni G.

ALESSANDRO CHIOMETTI - Il mastino di darwin

EMA STKHOLMA - Per il mio bene

TIZIANO TERZANI - Un mondo che non esiste più

 
PROPOSTE DI LETTURA MAGGIO 2020 Stampa E-mail

PROPOSTE DI LETTURA MAGGIO 2020

a cura di Gianni G.

FRANCESCA MANNOCCHI - Porti ciascuno la sua colpa

PATRIZIA VALDUGA - Poesie erotiche

PIERO GALVAGNI - L'italia degli altari

 
UNA BELLA NOVITA', E ALLORA FACCIAMOCI SENTIRE CON LA PETIZIONE UAAR Stampa E-mail

OTTO PER MILLE A SANITA' E RICERCA
FIRMA L'IMPORTANTE PETIZIONE UAAR NAZIONALE A GOVERNO E PARLAMENTO

 

C'è una bella novità: ricordate i manifesti "senza dio" del 2013? Ecco il divieto di affissione e la censura da parte del comune di Verona hanno dato il via a una nostra battaglia legale oggi vinta in Cassazione per l'ordinanza che ribadisce il nostro diritto ad essere atei e agnostici, e di poterlo liberamente esprimere.
Ecco il link della notizia al sito nazionale:
https://blog.uaar.it/

 

E ALLORA FACCIAMOCI SENTIRE!!!

Siamo tutti costernati da questa nuova realtà, insidiosa ma ovattata, tra media con immagini e bollettini di morte, insieme a schizofreniche, ironiche e simpatiche, caricature sulla nostra quarantena. Ma "là fuori" c'è tanto da fare, e probabilmente più di prima. Da un lato la religione ha disilluso molti con le benedizioni tanto sospese quanto inutili, dall'altro c'è da far fronte a un possibile riflusso in cui la religione potrà essere presa ad esempio in un prossimo futuro come un collante interpersonale e nazionale, una sorta di identità italiana che a noi va molto stretta. Ma c'è di più, perché per ricostruire le falle che questo virus ha creato a livello economico e sociale ci saranno molti soldi da far girare e da utilizzare, e la chiesa è come sempre bramosa di fondi, magari con la scusa dell'assistenza e l'avvallo pubblico della sussidiarietà.

Un esempio per tutti un 25 Aprile Festa della Liberazione in cui un quotidiano come La Repubblica invita a cantare dalle terrazze Bella Ciao, bella cosa, ma anche lancia una donazione a favore esclusivo di due enti cattolici come Caritas e Croce Rossa, come se Sanità e Ricerca, la Protezione Civile, il personale degli ospedali pubblici, le scuole, le casse pubbliche, le associazioni laiche impegnate in prima linea, non esistessero. Un corto circuito in cui la Liberazione, che certo non era materia religiosa anche per un oscuro connubio con il potere dittatoriale,  significa fare la carità a due enti religiosi già ricchi e privilegiati, enti blindatissimi, con bilanci nebulosi e più di qualche scandalo in casa! Incredibile!


E allora, facciamoci sentire in tanti, per riprenderci l'8 per mille (molto più di 1 miliardo di euro l'anno delle tasse degli italiani)

e con esso una dignità di cittadini italiani non genufessi,

scusate genuflessi!

La petizione online è semplice da firmare e semplice da condividere. Firmiamo e facciamo conoscere: raggiungiamo la massa critica e facciamo arrivare il nostro messaggio a Governo e Parlamento.

Firma la petizione: www.change.org/8×1000-a-sanita-e-ricerca


Diffondi tramite:


Facebook: https://www.facebook.com/UAAR.it/posts/10157955343772092


Twitter: https://twitter.com/UAAR_it/status/1250006757600104449


Blog: https://blog.uaar.it/2020/04/14/8x1000-sanita-ricerca-via-petizione-dell-uaar/

 

(o se non hai internet anche a parole a tutti coloro che conosci!)

 

Grazie per la tua firma e per la diffusione.

 

Sempre liberi di non credere e di cantare per la libertà senza croci.

04/2020

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 1 di 62