DONARE IL CORPO ALL'UNIVERSITA' PER LA RICERCA E L'INSEGNAMENTO SI PUO'
DONARE IL CORPO ALL'UNIVERSITA' PER LA RICERCA E L'INSEGNAMENTO SI PUO' Stampa E-mail

Giovedì  9 Novembre alle 17.30  a Mestre, nella nuova sede del Circolo Uaar di Venezia  in Via Napoli 49/A
( sede tutta da riempire di persone e contenuti)

DONARE IL CORPO ALL'UNIVERSITA'

PER LA RICERCA E L'INSEGNAMENTO SI PUO'

un  incontro non convenzionale per una relazione del Prof. Andrea Porzionato dell'Istituto di Anatomia Umana del Dipartimento di Neuroscienze dell'Università di Padova che ci informerà sulla possibilità, ancora poco conosciuta, di poter donare, una volta deceduti, il proprio corpo alla scienza.

La particolarità di questa possibilità di scelta ha indotto l'Istituto di Anatomia a regolamentare in modo accurato questa espressione di volontà.

Il nostro corpo produce, anche dopo la morte, un impatto sull'ambiente, oltre che nell'affettività dei nostri cari.  Donare il corpo all'Università di Padova, che oggi è il punto di riferimento nazionale in questo campo, significa permettere alle future generazioni di medici e di specialisti di vedere "dal vivo" come è fatto l'interno di un corpo. Anche oggi che le tecniche diagnostiche sono di livello elevato, una cosa è vedere, per così dire il corpo riflesso e un'altra, più significativa, studiarlo direttamente. Anche Leonardo per i propri studi di anatomia utilizzò, non senza gravi rischi perchè era vietato dalla Chiesa, i corpi umani e di animali.

Insomma, avete mai provato a identificare un fiore con i bellissimi libri ricchi di disegni e fotografie? Vi siete accorti poi di quanto l'originale sia diverso, e anche molto più bello?!

L'ingresso è libero

 

 

Aggiungi commento

I soci registrati, prima di inviare un commento, devono accedere con login e
password dall'apposito modulo LOGIN in basso a sinistra.

Se non sei socio i tuoi commenti potranno essere pubblicati dopo approvazione dei moderatori, e pertanto potrebbe trascorrere un po’ di tempo.

La scelta delle notizie e i commenti eventualmente espressi dai curatori
o dai visitatori non rappresentano necessariamente l’opinione dell’UAAR.

Codice di sicurezza
Aggiorna