Festa di Primavera e Spritz Ateo sul sagrato
Festa di Primavera e Spritz Ateo sul sagrato Stampa E-mail

primavera23/03/2010

Clicca sull’immagine per vedere altre foto.

Un carretto carico di pacchi, bandiere e colorate borsette. Gli struggenti scorci sulla vita di questa città fatta di canali, di finestre, di muri invecchiati, di ponti da attraversare con forza e determinazione. La pioggia fina, ma insistente, di marzo: la primavera a Venezia.

E là nel campo a (santa) Fosca, davanti a una grande chiesa che oscura maestosa ed egoista l’orizzonte e il cielo, costruiamo il gazebo, “vivo”, con volantini, caramelle, farfalle e fiori, e le vivacissime -nonostante l’umidità- scritte, manifesti e bandiere di UAAR.Ci facciamo coraggio…”ma quanto siamo bravi!”, ci diciamo. Il telo di nylon sul tetto e qualche ombrello per riparare ..... gli avventori che presto si accostano per chiederci dello sbattezzo, del testamento biologico, per firmare la petizione contro l’assunzione dei preti negli ospedali.

E poi in tanti raccolgono il volantino con il programma, con la lettera di Raffaele a Tremonti per un dignitoso uso dell’8 per mille devoluto allo Stato, con l’ indicazione di come destinare il 5 per mille per sostenere le nostre attività. Ci sono turisti stranieri curiosi che ci incoraggiano, coppie di italiani vacanzieri che si compiacciono della nostra presenza. Tra i residenti molti ricevono già le nostre new , alcuni si complimentano con noi –che bello!-, altri ci lasciano il loro recapito per avere le nostre informazioni via mail, ci sono anche nuove iscrizioni e rinnovi.

Il tempo scorre veloce. Il Santo Bevitore accoglie tutti con simpatia al di là del ponte, con i suoi spritz atei, da bere, dopo la visita al nostro gazebo e la consegna del prezioso tagliandino e del vaporoso pulcino-stuzzicadente per l’oliva.

Arriva l’ora delle lampade da campeggio, delle torce, dei trasgressivi lumini, e finalmente non piove più. Intorno al gazebo gruppetti di persone, conosciute e no, chiacchierano stimolati anche dalla nostra presenza e fioriscono, come d’uso a primavera, opinioni, dibattiti sulle elezioni, sulla politica nazionale e della città, sui fatti di cronaca più recente.

Alle nove, inumiditi ma indomiti, “sbaracchiamo”, e ci dispiace anche un po’…come al solito.

Qualcuno si è accorto che mancava, causa maltempo, il gruppo? A dire il vero nessuno, perché la musica c’era, noi l’abbiamo sentita…. e non era quella delle campane! L’avete sentita anche voi?

Grazie ad Angelo,Cathia, Gianni ,Mirko, Nicola, Renato, Riccardo, Vittorio e a tutti…

Indomita e libera di non credere

Cathiatea

 

 

Aggiungi commento

I soci registrati, prima di inviare un commento, devono accedere con login e
password dall'apposito modulo LOGIN in basso a sinistra.

Se non sei socio i tuoi commenti potranno essere pubblicati dopo approvazione dei moderatori, e pertanto potrebbe trascorrere un po’ di tempo.

La scelta delle notizie e i commenti eventualmente espressi dai curatori
o dai visitatori non rappresentano necessariamente l’opinione dell’UAAR.

Codice di sicurezza
Aggiorna