Sbattezzo: La sgarbata lettera di un parroco
Sbattezzo: La sgarbata lettera di un parroco Stampa E-mail

In risposta alla richiesta di sbattezzo di un nostro socio, il parroco invia un’ irosa lettera in cui, dichiarandosi felicissimo di perdere una “pecorella”, pretenderebbe che il socio gli rifondesse l’ importo sostenuto per l’invio della raccomandata (€ 3,90).

Oltre l’ assurda richiesta di rimborso è da notare il tono maleducato usato da chi dovrebbe dare esempio di calma, indulgenza e comprensione.

Ma gli iracondi non vanno all’ inferno?

Leggi la lettera

(in edizione integrale, con qualche dato cancellato per garantire la privacy dei due protagonisti)

 

 

Aggiungi commento

I soci registrati, prima di inviare un commento, devono accedere con login e
password dall'apposito modulo LOGIN in basso a sinistra.

Se non sei socio i tuoi commenti potranno essere pubblicati dopo approvazione dei moderatori, e pertanto potrebbe trascorrere un po’ di tempo.

La scelta delle notizie e i commenti eventualmente espressi dai curatori
o dai visitatori non rappresentano necessariamente l’opinione dell’UAAR.

Codice di sicurezza
Aggiorna