Raccolte 1307 firme per richiesta ufficio testamento biologico
Raccolte 1307 firme per richiesta ufficio testamento biologico Stampa E-mail

Mercoledì 28 ottobre 2009, nelle salette consiliari di Ca’ Farsetti sede dell’Amministrazione Comunale di Venezia, rappresentanti dell’Associazione L. Coscioni, dell’Associazione Italiana Decisioni di Fine Vita, dei Radicali, di S&L e dell’UAAR di Venezia, hanno consegnato al capo di gabinetto del Sindaco Cacciari, fuori Venezia per impegni politici, dr. Maurizio Calligaro, un plico contenente 1307 firme di cittadini veneziani che chiedono che l’Amministrazione Comunale istituisca uno specifico ufficio al quale possano essere consegnate le “dichiarazioni delle anticipate volontà relative ai trattamenti sanitari – testamento biologico”.

La raccolta delle firme, promossa dall’Associazione L. Coscioni, ha visto, ovviamente, l’adesione dell’UAAR e la sua fattiva collaborazione per la raccolta delle firme, sia durante le riunioni di Circolo, durante gli incontri culturali presso la Scoletta dei Callegheri, nei “banchetti” funzionanti durante le manifestazioni pubbliche dell’UARR veneziano ultima, in ordine di tempo, la raccolta delle richieste di "sbattezzo" avvenuta sabato e domenica scorsi a Mestre.

Il contributo dell’UAAR sul numero di firme raccolte in totale, si può stimare, ha raggiunto oltre il 10%.

La consegna delle firme è avvenuta alla presenza degli organi di informazione locali.

Alla fine dell’incontro con il Comune è stata auspicata, dai presentatori della proposta, la necessità che, su iniziative di carattere laico e di libertà individuale, ma non solo, si arrivi ad una maggiore collaborazione tra tutti coloro che si sentono di rappresentare le istanze dei cittadini veneziani in merito a tutti i diritti civili.

Renato Bonini

 

 

Aggiungi commento

I soci registrati, prima di inviare un commento, devono accedere con login e
password dall'apposito modulo LOGIN in basso a sinistra.

Se non sei socio i tuoi commenti potranno essere pubblicati dopo approvazione dei moderatori, e pertanto potrebbe trascorrere un po’ di tempo.

La scelta delle notizie e i commenti eventualmente espressi dai curatori
o dai visitatori non rappresentano necessariamente l’opinione dell’UAAR.

Codice di sicurezza
Aggiorna